Si pratica sempre di più, magari insieme al pilates e all’ultima dieta del momento. Ma impazza ormai anche nelle scuole, nelle aziende, nei centri di fitness, persino in alcune istituzioni. È la pratica della mindfulness, un mercato in continua crescita da un miliardo di dollari solo negli Stati Uniti. E che comprende anche un migliaio di app che aiutano a calmarsi e decine di migliaia di libri che includono la parola nel titolo. Ma proprio su questa pratica, una sorta di training mentale per trasformare i propri disagi attraverso il controllo  di pensieri ed emozioni, si è aperto di recente un aspro dibattito negli Stati Uniti, rimbalzato poi anche sui giornali inglesi. Accusatore numero uno è Ronald Purser, professore di Management alla San Francisco University, esperto di mindfulness e buddista praticante. Nel suo libro McMindfulness: come la mindfulness è diventata la nuova spiritualità capitalista, Purser stronca non solo le innumerevoli app antistress – assurdo rivolgersi a uno strumento digitale per liberarsi dallo stress che la vita digitale ci provoca – ma soprattutto attacca il fatto che la mindfulness sia diventata, perdendo ogni contatto con le sue radici filosofiche e religiose, un business e insieme un perfetto prodotto da vendere, proprio appunto come un BigMac. Non solo: accentuando il fatto che i problemi delle persone sono solo nella loro mente, di fatto li distoglie dalle cause sociali del loro malessere e della loro ansia. Insomma: hai un impiego precario o soffri di burn out lavorativo? Il problema sono sempre i tuoi pensieri. Riducendo però la mindfulness a una banale tecnica terapeutica di auto-aiuto per alleviare mal di testa o diventare più lucidi e produttivi, si conserva di fatto lo status quo della società neoliberale e non è un caso che la mindfulness sia diventata anche una vera manna per le aziende, che possono offrire ai propri dipendenti un comodo metodo per eliminare tossine mentali e migliorare concentrazione e rendimento. Ovviamente Purser ci tiene a precisare che lui non intende buttare il bambino con l’acqua sporca, ma sostiene che il fatto che ci siano guru che si fanno pagare 12.000 dollari a giornata mostra come il distacco con le radici etiche sia totale. Tra l’altro, la mindfulness male intesa non solo porta a un rafforzamento dell’ego individuale, il contrario dell’insegnamento buddista, ma fa dimenticare la nostra interconnessione con gli altri e la società e la cultura nella quale siamo inseriti. Il punto è sempre lo stesso: non può esistere una mindfulness eticamente neutrale. Né può esistere una mindfulness totalmente individualistica,  finalizzata al proprio benessere e dissociata dalla trasformazione sociale, altrimenti tutto si riduce a un “cerotto per gli stress quotidiani”. Rispetto alla finta mindfulness, per la felicità delle persone funziona molto meglio, conclude Purser, una diminuzione delle disuguaglianze e un massiccia iniezione di diritti sociali nel mondo.  Da ricordare, quando si apre l’ennesima app con musica relax.

Febbraio 2019, Il Fatto Quotidiano

Foto di Noelle Otto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.