Se Adamo ed Eva fossero stati bambini è probabile che, posti di fronte al celebre test del marshmallow, avrebbero immediatamente agguantato il dolcetto senza pensarci due volte. Infatti, la scelta avventata compiuta durante la loro vita di adulti – mangiare la mela proibita – dimostra in maniera lampante un deficit di autocontrollo, che fu letale per i nostri progenitori. A sostenerlo è proprio l’inventore del noto test, lo psicologo cognitivista di origine viennese Walter Mischel, scomparso l’anno scorso e di cui in questi giorni esce un libro fondamentale, Il test del marshmallow, edito dalla casa editrice Carbonio. Un saggio che raccoglie cinquant’anni di studi sull’autocontrollo, a partire, appunto, dal racconto di quel primo test compiuto negli anni Sessanta in una scuola materna degli Stati Uniti, che poneva i bambini di fronte al seguente dilemma: scegliere tra una ricompensa da avere subito (un marshmallow), suonando un campanello, oppure aspettare venti minuti e averne una doppia (due marshmallow).  Mischel racconta di aver assistito, insieme ai suoi ricercatori, a comportamenti creativi e ironici, a volte commoventi fino alle lacrime: bambini che cantavano strane canzoni, facevano facce buffe o assurde, si mettevano le dita nel naso, inventavano strategie impensate per riuscire ad attendere. Lo psicologo spiega di aver scoperto, seguendo i bambini nel tempo, che maggiore era il tempo che i bambini erano in grado di aspettare, più alto era il loro punteggio per il college, così come il senso di autostima e la capacità di adattarsi a frustrazioni e stress. Addirittura, chi aveva saputo pazientare, da adulto risultava più magro e meno a rischio rispetto a droghe e dipendenze. A partire da quel test, e per tutta la vita, Mischel ha continuato a studiare con passione il tema della “forza di volontà” e delle condizioni che finiscono per vanificarla oppure attivarla (essere di genere femminile, ad esempio, aiuta, visto che le bambine sembrano decisamente più pazienti). Mischel era convinto che l’autocontrollo, quando non è eccessivo e ossessivo, sia fondamentale per una vita soddisfacente e felice. E per questo le risposte che lo psicologo dà nel libro sono utilissime per cercare di arginare l’educazione dei ragazzini di oggi, incentrata sull’immediata gratificazione e su uno sconfinato consumismo, ma anche sulla convinzione che i bambini abbiano diritto a tutto, mentre limitarli, incitarli a contenersi, incoraggiarli a sopportare delusioni e mortificazioni appare impensabile. Mischel ammonisce: se dovere e forza di volontà collassano, si sgretola anche la possibilità di essere vincenti nella vita. E allora è un paradosso trattare i figli come soggetti da compiacere continuamente ma dall’altro esigere da loro carriere brillanti da astrofisiche o ingegneri aerospaziali.  Perché i vostri figli abbiano successo, conclude lo psicologo statunitense, non aiutano madri iperprotettive e asfissianti e in generali figure genitoriali che impediscono sia l’autonomia che l’autocontenimento. Ma neanche genitori poco coerenti, che non praticano l’autocontrollo su se stessi. Poi, per fortuna, il destino non è segnato  e ragazzi incapaci di contenersi possono guarire, ad esempio con la mindfulness e un addestramento alla consapevolezza. A volte, inoltre, anche strategie ironiche e creative per eludere il dovere possono dar luogo a vite felici: come forse sarà capitato a quel bambino cileno che, in un esperimento condotto anni dopo sempre da Mischel, ma con biscotti a due strati, fu osservato mentre li apriva, leccava via la crema interna, e li richiudeva facendo finta di niente. Una cosa è certa però: se il test del marshmallow si dovesse rifare oggi, altro che dolcetto. Al suo posto ci sarebbe un tablet (o un telefonino). E chissà quanti sarebbero capaci di aspettare venti minuti prima di poterlo ghermire.

Il fatto quotidiano, marzo 2019

Foto di Tembela Bohle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *