Quando muore un figlio unico

 

C’è una notizia che più di altri mi ha colpito in questi giorni. La morte di Camilla Compagnucci, una bambina di nove anni romana, per un banale ma tragico incidente sugli scii, di cui tuttavia le responsabilità sono da accertare. Mi ha colpito perché Camilla, di cui ovviamente non so nulla, come non so nulla dei genitori (qui ne scrivo solo come spunto di riflessione) rappresenta in un certo senso la generazione dei bambini di oggi. Figlia unica, mamma lavoratrice (ricercatrice), vissuta in un quartiere romano pieno i alberi e parchi: immagino la sua nascita nove anni fa, la scelta di un nome che ho sempre amato moltissimo.

Immagino l’emozione della gravidanza, la decisione su dove partorire dopo un’attenta disamina degli ospedali. Immagino la madre, e forse il padre, che l’allattano con amore e dedizione assoluta. I primi mesi, la scelta su come conciliare lavoro e famiglia, forse una tata o baby sitter per i primi anni – anni di svezzamento, preparazione di pasti appropriati e scelti con cura, di giochi, di prime vacanze – forse un asilo nido e poi la scuola materna. Immagino tutti i giorni in cui è stata presa a scuola, l’allegria di vedere spuntare il suo viso dalla classe, i lavoretti portati a casa dall’asilo, il primo giorno di scuola, i primi compiti. Vedo i genitori accompagnarla ovunque, alle feste, allo sport, organizzare feste di compleanno belle e piene di amici e di allegria. Immagino la felice routine che si instaura quando un bambino entra in una casa, portando con sé il mondo dell’infanzia con le sue meravigliose domande, curiosità, con le sue emozioni potenti che mettono in discussione e ti danno la sensazione di essere – parlo per me e per chi ha fatto questa scelta – finalmente una persona completa, come se quel pezzo che mancava prima della tua vita di genitore fosse stato definitivamente messo a posto.

Continua qui.

Troppo tempo e troppi soldi investiti sui figli, i genitori di oggi cambino rotta

Emotivamente sfiancante e sempre più costoso, in termini di soldi e denaro. Crescere figli oggi comporta un investimento di risorse economiche e psicologiche che però spesso rischia di essere persino controproducente. A lanciare la provocazione è il New York Times che pubblica una lunga inchiesta a firma di Claire Cain Miller, The Relentlessness of Modern Parenting. Il bersaglio è la cosiddetta “genitorialità intensiva”, un termine coniato dalla sociologa Sharon Huys che descrive uno stile genitoriale “sempre più centrato sul bambino, affidato agli esperti, emotivamente assorbente, finanziariamente costoso”.

Al contrario di quanto si crede, infatti, i genitori lavoratori di oggi passano con i figli lo stesso tempo delle madri casalinghe degli anni Settanta. Cambia anche il modo di stare con i bambini: si legge con loro, li si accompagna alle loro mille attività, si partecipa alle loro recite e giochi, si guarda persino la televisione insieme, si condividono i compiti: 5 ore a settimana rispetto all’ora e 45 minuti del 1975. Figli sempre più intrattenuti invece che semplicemente “amati e disciplinati”.

Continua qui. 

 

La tecnologia ci rende invidiosi e uccide le nostre abilità e quelle dei nostri figli

“Aziende multinazionali come Amazon, Google, Facebook e molte altre, che operano fuori da ogni controllo nazionale, stanno esercitando un potere troppo forte sui nostri governi e sulle nostre società, che tragicamente hanno scelto di sottomettersi alla loro influenza. Queste aziende hanno la libertà di muoversi come vogliono dentro le nostre economie locali, non rendono conto a nessuno e il loro impatto sulla democrazia e l’ambiente è largamente ignorato. Infine, non pagano le tasse, mentre il commercio nazionale e locale è oppresso dalle imposte. Ecco perché sono più ricche e potenti degli stati nazione. Ed è un problema democratico enorme”. Linguista, scrittrice e attivista svedese, Helena Norberg-Hodge è pioniera del movimento a favore dell’economia locale. Fondatrice di Local Futures e autrice del best seller Ancient Futures – incentrato sulla vita della popolazione della regione himalayana di Ladakh -, è produttrice del pluripremiato film L’economia della felicità, in cui spiega le sue tesi contro la globalizzazione e a favore della localizzazione, vista come antidoto a ingiustizia e infelicità. Nei giorni scorsi ha partecipato a Prato alla 18esima conferenza Internazionale sull’Economia della Felicità e a ilfattoquotidiano.it parla delle conseguenze della tecnologia sulla nostra vita e dello stravolgimento sociale causato dalle multinazionali, in particolare quelle della digital economy.

 

 

Sesso libero, gioioso e adultero. Per essere felici fatelo come i primitivi

51ANe6v5osL._SX365_BO1,204,203,200_Alla parola preistoria associate una donna trascinata per i capelli da un uomo con la clava e uno scenario fatto di povertà e brutalità? Toglietevi questo cliché dalla testa. Con tutta probabilità i nostri antenati cacciatori, per intenderci gli ominidi precedenti alla rivoluzione agricola, vivevano in un mondo di collaborazione reciproca e armonia, dove le donne contavano come gli uomini e dove soprattutto la sessualità era libera e aperta, senza gelosia né alcuna ossessione verso l’accertamento della paternità dei nuovi arrivati, tanto che la cura dei bambini era responsabilità di tutti.A sostenere questo scenario sono due studiosi statunitensi, Christopher Ryan e Cacilda Jethà, nel saggio In principio era il sesso. Come ci accoppiamo, ci lasciamo e viviamo l’amore oggi (Odoya editore), che ha avuto grande eco e diviso la comunità scientifica statunitense.

Continua a leggere qui. 

Uteri in fuga/3: diventare mamma in Francia

UnknownNella sua seconda vita si chiama Marina P., è una musicista e vocalist indipendente nell’ambiente underground dei sound system dub, e nei weekend gira l’Europa per concerti e serate live. Nella sua prima vita lavora con un piccolo contratto a tempo indeterminato per l’associazione laica francese Libre Pensée e vive con il suo compagno e i suoi due figli  Leo e Nino, l’ultimo di appena due mesi, in un quartiere popolare del sud di Parigi. “Sono un’emigrata della prima ora”, racconta Marina, “arrivata qui da Livorno nel 2001, prima con un Erasmus poi, subito dopo la laurea, con una borsa per insegnare al liceo. All’inizio non è stato facile lavorare, avevo una laurea in storia, così ho cominciato con stage in case editrici turistiche e scolastiche. A un certo punto mi sono lanciata nella musica, ho iniziato a registrare con etichette indipendenti inglesi e scozzesi e fare serate di questo genere di musica elettronica, il dub, che è nato in Giamaica ma si è sviluppato in Gran Bretagna. Inaspettatamente, è diventato un vero e proprio lavoro”.

Continua a leggere qui. 

 

 

 

Uteri in fuga/2: fare un figlio in Norvegia

Unknown

“Congratulazioni e auguri, siamo molto felici per lei. Questo è il calendario di tutti i suoi dati clinici. Qualora data e orari non andassero bene ci chiami e provvederemo a spostare gli appuntamenti”. La lettera dell’ospedale pubblico è arrivata a casa di Ludovica proprio pochi giorni dopo che aveva comunicato al suo medico di famiglia di essere incinta. “Qui ti scrivono tutto, dicendoti anche ciò che tu non richiedi ma che loro presumono possa esserti utile. Un’esperienza che ti lascia di stucco per chi, come me, sa cosa significhi la burocrazia in Italia”. Ludovica è un avvocato, ha 39 anni, vive a Oslo da due e ha una bimba di quattordici mesi, Francesca. Ha deciso di lasciare l’Italia abbastanza tardi (“ma lo sai che di recente un grafico italiano di 56 anni ha vinto un concorso pubblico? Qui è normale” mi racconta) anche se non avrebbe mai creduto che la sua meta sarebbe stata questa. “La Norvegia mi sembrava uno di questi posti immaginifici, delle favole, io pensavo più ad altri paesi europei. Ma dopo l’ennesimo assegno di ricerca scaduto per l’Università dove insegnavo, ho capito che se volevo che alcuni miei progetti si realizzassero sarei dovuta partire”.

Continua a leggere qui:

http://d.repubblica.it/attualita/2014/12/11/news/maternit_norvegia_storie_assistenza_medica_confonto_italia-2404088/?ref=HRLV-15

Immagine: Il bambino gigante, di Marc Quinn. 

Figli di separati, per forza infelici?

 

images“Subito dopo la separazione, mio figlio Francesco ha cominciato a strizzare gli occhi continuamente. Mi sono allarmata tantissimo, il senso di colpa mi divorava, ma alla fine ho scoperto che era una congiuntivite”. Sara ride, nonostante le preoccupazioni degli ultimi mesi. Ha 42 anni, vive a Treviso, è una libera professionista  – “e credimi, separarsi da lavoratrice autonoma non è lo stesso che con un bel lavoro dipendente”. Ce la mette tutta per essere felice e proteggere suo figlio, che ha appena cominciato le medie. E in questa lotta contro la tristezza di un matrimonio che non è andato come avrebbe voluto, giura che una delle cose che la rassicura di più è che Francesco in classe è in buona compagnia, “su 25 bambini ce ne sono ben sette con genitori separati”. Continua a leggere

Uteri in fuga/1: fare un figlio in Canada

 

Unknown“Imbarazzo nel dire che ero incinta? Ma figuriamoci: in ufficio in questo momento c’è una sfilata di pance incredibili. Qui è un fatto normale, direi quasi banale”. È domenica mattina, Emanuela si è appena alzata insieme a suo figlio Mattia e al suo compagno e ha un po’ di tempo per parlare della sua decisione: fare un figlio a Montréal, in Quebec, a seimilacinquecento chilometri dalla sua città di origine. “In realtà io non ero disoccupata, anzi a Roma avevo un contratto a tempo indeterminato e un lavoro che mi piaceva molto, anche se non pagato moltissimo, facevo la sottotitolatrice, sono laureata in lingue, mentre il mio compagno lavorava come deejay.  Avevamo una casa in affitto e una vita regolare”. A un certo punto, però, nella vita di Emanuela, che oggi ha 42 anni, succedono alcune cose: un viaggio proprio a Montréal, che li fa innamorare di quella città, un permesso di vacanza lavoro per lei, di sei mesi, qualche episodio di razzismo nei confronti del compagno, meticcio, unito all’atmosfera pesante di crisi di questi anni.  “Così, sette anni fa, abbiamo lasciato la casa, venduto la macchina, caricato i gatti e siamo partiti”.

Continua a leggere qui:

http://d.repubblica.it/attualita/2014/11/26/news/maternita_canada_confronto_italia-2390749/

Immagine: Il bambino gigante, di Marc Quinn.