3 thoughts on “Contatti

  1. Sono completamente d’accordo con lei. Ha evidenziato con semplicità gli aspetti più importanti.Purtroppo questa vicenda non fa che confermare che l’interesse personale prevale su tutto. Anche su tutti quei principi di giustizia sociale tanto sbandierati dai personaggi in questione. Un vero schifo. Non è più mia intenzione legittimare, anche con il voto, tutti questi personaggi che si riempiono la bocca con la parola POPOLO e alla fine sono i primi ad……”affamarlo”.

  2. Buongiorno Elisabetta,
    ho letto con molto interesse il suo pezzo sull’obbligatorietà delle scuole dell’infanzia e non posso che condividere il suo pensiero e ringraziarla per la sua chiarezza.
    La condizione delle mamme in Italia è più che precaria e nulla si fa per favorire la loro professionalità.
    Io, mamma di due figli, con un marito spesso all’estero per lavoro, ho dovuto compiere scelte drastiche squalificandomi professionalmente per continuare ad avere l’onore, oltre che l’onere, di FARE la mamma, e non solo di esserlo.
    A me, da impiegata e pendolare, sarebbe bastata una politica reale di smartworking, con il diritto di poter svolgere il mio lavoro da casa per almeno il 50% del tempo.
    Nell’era di internet è più che possibile!

Rispondi