Benedetto sia il cancro in pubblico

 

Sta succedendo qualcosa di importante, dirompente, nuovo nell’opinione pubblica italiana. Finalmente il cancro, soprattutto attraverso la vicenda di Nadia Toffa e ora le parole-rivelazione di Daria Bignardi, ha rotto il “soffitto di cristallo” dei mass media. Della televisione, anzitutto, e poi di rimando del web, attraverso i social media. Che hanno inondato la rete di messaggi sul tema, liberando una pulsione per troppo tempo trattenuta, per troppi anni rimossa.

Di cancro in pubblico, in realtà, si era già cominciato a parlare qualche anno fa, quando l’editoria aveva scoperto il tema dell’autobiografia dei malati. In poco tempo, le librerie erano state invase da storie di malati, anche famosi – ricordo in particolare L’albero dei mille anni del giornalista scomparso Pietro Calabresi, il magnifico Vivere la malattia senza farsi sopraffare di Sophie Cabbage, ancora Il regno di Op della giornalista Paola Natalicchio sulla malattia del figlio ma meriterebbero di essere citati in tantissimi – così come di libri sul tumore e sul modo migliore di curarlo, ad esempio attraverso l’alimentazione. Ma appunto, si trattava di un coming out editoriale, cerebrale, limitato.

Continua a leggere qui.

Rispondi