Perché l’assicurato non vince mai

imagesDa un lato calano sinistri e risarcimenti. Dall’altro aumentano i costi per gli assicurati(più 245 per cento dagli anni Novanta, più 21 per cento solo nel 2014, più 10 per cento fino alla metà del 2015). Come spiegare questo dato in apparenza contraddittorio, così come il fatto che il settore assicurativo in questi anni difficili, e nonostante le continue proteste da parte delle assicurazioni sulle presunte truffe, non abbia dato segnali di crisi (anzi, può vantare un utile che nel 2013 ha superato i 5 miliardi di euro)?

Semplice: grazie a un’abissale differenza tra quanto promesso in suadenti spot di assicurazioni che invadono treni, autobus, metropolitane e la triste verità dei risarcimenti effettivi. È proprio di questa verità che parla l’acceso pamphlet Assicurazioni a delinquere, appena uscito per Chiare Lettere. L’autore, Massimo Quezel, è ex liquidatore che proprio in seguito ad un incidente ha deciso di aprire una propria rete di studi di infortunistica , cioè di studi professionali che si occupano di gestire tutto il percorso successivo ad un incidente, con lo scopo di garantire il giusto risarcimento dalla compagnia assicurativa.

Continua a leggere qui.

Rispondi