Io e la mia pazza famiglia di sordomuti

112430276-b91201a8-cfca-4e12-b55a-b91e3f9c1a1fSperare che sull’autobus tua mamma non produca una rumorosa flatulenza della quale non si accorgerebbe in alcun modo. Controllare che la carta igienica del bagno non sia finita perché nessuno verrà a portartela anche se urli a squarciagola. Accertarsi di avere sempre le chiavi di casa per non restare chiusi dentro per sbaglio e non poter chiamare nessuno. Fare lo sforzo di evitare di allacciarsi le scarpe, voltare la schiena, perdere di vista anche un attimo il viso e i gesti di chi sta parlando per evitare di non capire nulla di un discorso in fieri. Tutto questo significa, anche, vivere con due genitori sordi senza esserlo. Una condizione che la francese Véronique Poulain racconta nel libro Un diverso sentire, appena uscito per Corbaccio in Italia.

Continua a leggere qui:

http://d.repubblica.it/lifestyle/2015/10/01/news/veronique_poulain_un_diverso_sentire_libro_famiglia_sordomuti-2783576/

Rispondi